autismo, Libro - Mia Sorella mi Rompe le Balle

Avventura Svizzera

Eccoci, in viaggio verso casa. Ieri siamo andati a Lugano perché la Radiotelevisione della Svizzera Italiana ci ha invitati al suo programma sull’Asperger (andrà in onda il 18 febbraio). Così, già che eravamo in zona, abbiamo fatto un salto a visitare i Castelli di Bellinzona. Lì abbiamo incontrato un gatto svizzero soprannominato Osvaldo (molto serio, si fa coccolare ma non gioca con le cordicelle), abbiamo cercato un posto dove mangiare ma avevamo solo 10 franchi (ci siamo scordati di non essere in Europa!) quindi il kebabbaro svizzero ci ha dato le sue patatine fritte al curry, Damiano ha imitato i seguenti suoni: • pieno di benzina • pulsante dell’attraversamento pedonale • aspiratore del bagno dell’hotel • ascensore, abbiamo regalato biglietti da visita, mangiato un gelato con l’Ovomaltine, passeggiato in un parco lungo il lago di Lugano (gioco di parole da ripetere più volte) con cigni e statue stanche morte, apprezzato la pulizia delle strade e il silenzio, fatto girare a Damiano il suo primo vlog da solo (chiuso in un bagno), scoperto della lite tra Bugo e Morgan, perso le ultime due puntate di Beautiful.
Insomma, grandi emozioni. 

P.S. E grazie al nostro fotografo accompagnatore cognato Gollum Philipp

Damiano e Margherita Tercon - Svizzera
Damiano e Margherita Tercon ai castelli di Bellinzona – Foto Philipp Carboni
autismo, Uncategorized

La nostra storia raccontata da Carmelo Abbate

Lui è Damiano. Ha 7 anni. Scrive una letterina. Cara nonna, mentre ascolto la musica classica con il giradischi sono contento, la musica è dolce, buona, bella, lenta, mi rende felice. È il 1990. Damiano ha 9 anni. Vuole degli amici. Non ha amici. Lui ha tante cose interessanti da dire. Non le dice. Se le tiene per sé. Si tiene tutto per sé. Cammina per strada. C’è un ventilatore. Si ferma. Non riesce a distogliere lo sguardo. È attratto da tutto ciò che gira in tondo. La lavatrice è magnetica e affascinante, la trottola è il gioco più bello del mondo. Damiano è un bambino sereno e felice, gli manca solo un migliore amico. Tutti ce l’hanno. Lui no. Damiano si guarda attorno. Mowgli, il figlio della giungla, anche lui è solo. Uniranno le forze. Sarà lui il suo migliore amico. Damiano esce da scuola, torna a casa, si chiude in camera, parla con il suo migliore amico Mowgli, giocano a piripicchio e piripacchio. Gli anni passano. Al centro sportivo gli dicono zizzone e finocchio. Lo sfottono. Ora fa le superiori. A scuola lo chiudono dentro l’armadio e lo prendono a calci. Ridono. Gli dicono che non è normale, è un essere inferiore. Pugni, calci e botte. È il 2005. Damiano ha 23 anni. La psicologa pronuncia la parola autismo. Damiano è sorpreso. È diventato autistico? Lei dice che è autistico dalla nascita. Lui pensa che la psicologa è matta. Gli anni passano. Damiano scrive una lettera alla sorella. Lei è Margherita. Ha lasciato Rimini, ha studiato a Milano, si è laureata in Filosofia a Parigi, è stata assunta a tempo indeterminato come project manager in una azienda. Lei decide di aiutarlo a realizzare il suo sogno, diventare un cantante lirico. All’inizio lo fa nel tempo libero, poi si trova davanti a un bivio. Deve scegliere. Margherita Tercon lascia il lavoro, formano un duo semiserio, fanno degli spettacoli, partecipano a Italia’s Got Talent. Un vecchio compagno di classe lo vede in tv e gli scrive una lettera. Gli chiede scusa per le cattiverie. Allora era una persona diversa, oggi insegna al figlio il rispetto e l’amore, e a non fermarsi mai alle apparenze.

Carmelo Abbate

Margherita Tercon e Damiano Tercon Abbate Carmelo
Margherita e Damiano Tercon raccontati da Carmelo Abbate
autismo, Uncategorized

“Dami, quando hai scoperto di avere l’autismo?”

Margherita: “Dami, quando hai scoperto di avere l’autismo?”
Damiano: “Beh, io ho la sindrome di Asperger, che è un tipo di autismo che può avere diversi livelli di gravità. La mia sindrome di Asperger è media.
Ho scoperto di essere autistico all’inizio del 2005 che avevo già 23 anni suonati! E quando l’ho scoperto ho detto “Oh no! Adesso che sono diventato autistico, non potrò più avere una ragazza, sposarmi, avere figli e niente di tutto ciò!” e invece la psicologa mi ha detto, no Damiano, tu soffri di autismo da quando sei nato, e io ho pensato “ma cosa dice questa, non è vero, ma questa è matta, è completamente matta!”. E poi invece era vero! Autistici si nasce!

Io sarei curioso di vedere da dentro com’è vivere e fare l’esperienza di una persona normale. Perché da autistico vedo che le cose sono più difficili, per esempio il rapporto con gli altri, la comunicazione e come gli altri ti guardano.
Però sto cercando di essere il più autonomo possibile: ho preso la patente, faccio il letto, pulisco, cucino, sono un Cenerentolo!
E in più voglio diventare un cantante lirico e mi alleno e cerco di realizzare le mie passioni. Non la vedo più come un peso.”

Damiano Tercon

Damiano e Margherita Tercon quando hai scoperto autismo.jpg
Damiano Tercon parla del suo autismo.

 

autismo, comiche, Uncategorized

Damiano Tercon VIP

SMS da Damiano: “Sono appena tornato dalla spesa dal supermercato. Alle/a casse/a dove si paga la spesa, la cassiera mi ha preso alla sprovvista dicendo:<<Ho scoperto che sei famoso!>>; ed io:<<Dove?!>>; e lei:<<Su Youtube! Ho visto che fai un sacco di video divertenti con tua sorella! Chi è tua sorella…?>>; ed io:<<Si, è mia sorella!>>;… Mentre parliamo pago, e poi ci salutiamo.
E se ti ho detto che dalla commessa sono stato preso alla sprovvista, è perché la commessa stessa mi ha detto:<<…ti ho preso alla sprovvista…>>. Fatto sta che in un secondo momento sono stato contentissimo, ma il bello è che il secondo momento è adesso che ti sto scrivendo.”

Prima di tutto: GRAZIE per salutarci quando ci incontrate 💓
E soprattutto… Damiano è un timidone. A lui fa davvero piacere essere salutato e salutarvi, ma inizialmente resta in silenzio perché non se lo aspetta 😂 Quindi non stupitevi se lo trovate silenzioso, basta iniziare a parlarci per cinque minuti e si scioglie 😊

Margherita
Damiano e Margherita Tercon Befane
Damiano e Margherita Tercon con gli occhiali – dalla cassiera! #Racconti

 

autismo, Uncategorized

L’autismo raccontato da Damiano Tercon

Margherita: “Dami, che cos’è l’autismo?”
Damiano: “L’autismo è una sindrome del comportamento umano (più che sindrome, direi disturbo del comportamento umano) che si manifesta alla nascita di un individuo umano. Chi soffre di questa patologia sono sia uomini che donne: chi ne soffre di più, sono uomini. Autistici non lo si diventa, ma lo si nasce.
Dove vado io per l’autismo dicono che se uno nasce autistico è perché è una combinazione di geni, mentre il nonno Giorgio dice che la scienza non ha ancora capito come mai uno nasce autistico e credo che non l’abbia capito neppure il centro dove vado io in quanto dicono che è una combinazione di geni. 

Chi è autistico non si comporta né bene né male: si comporta diversamente.
Essere autistici non vuol dire comportarsi bene, ma non vuol dire neanche comportarsi male: vuol dire comportarsi diversamente. 

Ci sono autistici di tutti i tipi: autismo grave, autismo lieve, sindrome di Asperger e tanti altri tipi di autismo.

Il mio tipo di autismo si chiama sindrome di Asperger: è un autismo un po’ particolare perché è più leggero del normale; però di preciso non lo so perché dicono che esiste anche la sindrome di Asperger grave. Com’è la mia sindrome di Asperger? Mio babbo dice che è leggera, mia mamma dice che è media. Chi ha ragione dei due e chi ha torto dei due?”

 

Damiano Tercon

damiano tercon e margherita tercon
Damiano Tercon raccont l’autismo a Margherita Tercon (e a tutti gli altri)